Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

SERVIZI



La VegAmbiente interazioni è autorizzata da Laboratorio di analisi chimiche, iscritto all’Ordine Interprovinciale dei Chimici delle Regione Sicilia, a potere effettuare prelievi di piccoli campioni rappresentativi di rifiuti in opera o dismessi, per la caratterizzazione dei materiali (qualitativa-morfologica) con classificazione ed attribuzione del codice C.E.R. (Codice Europeo Rifiuti) necessario per il corretto smaltimento dei rifiuti.

Tecniche usate per la ricerca di fibre di amianto:

  • MOCF (microscopia ottica a contrasto di fase) SEM ( microscopia elettronica a scansione).
  • Consegna rapporto di prova analitico valido a tutti gli effetti di legge. (D.M. 25/03/1986)
  • Determinazione fibre di amianto aerodisperse in determinati ambienti.
  • Restituibilità del sito oggetto dell’intervento.
  • Valutazione del rischio.
  • Perizie giurate.
  • Sopralluoghi nei siti interessati per l’acquisizione dei dati, compilazione scheda tecnica operativa e foto del sito da bonificare per l’inserimento nel Piano di Lavoro.
  • Predisposizione del cantiere nel rispetto del D.L. 626 (dispositivi di sicurezza).
  • Rilascio di documentazione relativa ai lavori eseguiti nei tempi e modi di legge.

Consulenza


Qualunque tipo di amianto è cancerogeno per l’uomo. Il criterio oggettivo per determinare la pericolosità dell’amianto è la friabilità. La fibra che viene dispersa per effetto di qualsiasi tipo di sollecitazione meccanica, eolica, da stress tecnico o da piogge acide, può in tal modo essere inalata, la continua esposizione a fibre di amianto è associata a malattie dell’apparato respiratorio; tutto ciò assume maggiore importanza considerando il D.L. 257 del 27 Marzo 92 (norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto) e il D.M. 6 Settembre 94 che obbliga i detentori del manufatto in amianto ad interventi di messa in sicurezza o di bonifica del sito avvalendosi di aziende specializzate e abilitate che operano nel settore ambientale. Prima di procedere alla rimozione del manufatto (tettoie in lastre piane o semicircolari, coperture in genere,corpi cavi come canne fumarie, serbatoi o altri materiali in fibrocemento o di qualsivoglia natura) accertateVI della loro potenziale pericolosità; ATTENZIONE!! Potrebbero non contenere fibre di amianto. Una telefonata chiarirà i vostri dubbi!!

DT. Benedetto Schembri
Titolare Firmatario e Referente Aziendale. Coordinatore delle attività di rimozione, smaltimento e bonifica di amianto modulo 'B' 42/PA/2005 Reg. al N°2442 del 17/05/2007. Valido ai sensi e per gli effetti dell’art.12 della l.r. 24/76 e dell’art. 14 legge 845/78 (abilitato A.P.M.I. Sicilia A.S.P. 6 Palermo)

Condividi